Il supporto del coach nelle CRISI ADOLESCENZIALI

Spesso mi trovo di fronte a genitori che mi dicono: “Non so più cosa fare con mio figlio, con mia figlia”, e mi raccontano di adolescenti apatici, svogliati, senza energia.

Quello che posso constatare, è che la fase che si definiva una volta adolescenza è come se non ci fosse più. I ragazzi, a volte lasciati soli, trovano sicurezza all’interno del “branco” e cercano di crescere in fretta, saltando qualche tappa.

Il supporto del coach nelle CRISI ADOLESCENZIALISe aggiungiamo poi che sovente, in particolare le ragazze, compensano le varie tensioni e i vari stress con l’alimentazione, vediamo sempre più frequentemente casi di bulimia e anoressia. Ma sappiamo tutti che questi eccessi non si limitano solo all’alimentazione, e che il ricorso al fumo, all’alcool e alle sostanze stupefacenti nascondono sempre degli stress profondi non risolti.

Il coach ovviamente non è un medico e non si sostituisce né allo psicologo né all’esperto nutrizionista; può però essere uno straordinario supporto per sbloccare situazioni irrisolte e velocizzare il recupero.

Una delle tematiche più delicate è la difficoltà per l’adolescente di accettarsi per come è, nella sua unicità, perché troppo influenzato e condizionato dai modelli che gli arrivano, sia dai media, sia dalla famiglia stessa.

Il coach, attraverso un confronto costruttivo con il ragazzo, rispettando le sue scelte e i suoi tempi, gli permette di ritrovare innanzitutto se stesso, condizione fondamentale per affrontare le sfide della vita.

Tagged with: , , , , , , , ,
Posted in Life coaching

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ricevi Gratis il mio Special Report
Seguimi su Facebook
Like su Facebook